Sul gonfalone marciano: bandiera della Serenissima o del Popolo Veneto ?

Condividi:

In 1100 anni di storia la Repubblica di Venezia ha ovviamente visto molti cambiamenti anche sul piano della simbologia adottata. Ma risulta da diverse fonti che la stessa non abbia mai provveduto a ufficializzare una bandiera dello Stato. C’era il Leone in Moeca come simbolo dello Stato, e questo bastava.

Molta confusione regna oggi fra gli studiosi a proposito del Gonfalone “marciano” (di San Marco), e quando non la fanno i Veneti stessi, la confusione non di rado la fanno gli altri, ed a volte con l’intento chiaro di svilire l’identità nazionale veneta.

Quello che oggi sembra assodato è che questo Gonfalone

era la bandiera della Marina Veneta, usata nelle navi, ma non si badi troppo al colore rosso di sfondo, in alcune rappresentazioni lo sfondo era blu Veneziano (esiste l’espressione Venetian Blue ) o azzurro, da millenni colore nazionale dei veneti . Blu Veneziano

Certamente il gonfalone sopra non è Continua a leggere

Condividi:

Bon Cao de Ano (Caodano) – onadoaK

Condividi:

Oggi è il primo marzo, Capodanno veneto da migliaia di anni, cancellato dal delinquente Napoleone (era delinquente anche per la Restaurazione che però a sua volta non restaurò la Repubblica di Venezia e quella di Genova) e quest’anno migliaia di persone festeggeranno con cene e altri eventi, per un periodo che da sempre si protrae in realtà per 10 giorni. Fu Bepin Segato a recuperare dalla memoria storica questo evento, lui ed io, ben 15 anni fa Continua a leggere

Condividi:

“La vostra sovranità ora è radicata direttamente nel diritto internazionale”

Condividi:

In questi giorni ho parlato con diversi avvocati, ed uno mi ha detto “i vostri diritti (di veneti) adesso sono radicati direttamente nel diritto internazionale, e non sono più sottoposti all’ordinamento italiano”.

E’ così, tradotto in linguaggio più semplice, con la legge regionale del Veneto n° 28 del 2016, ci sono stati riconosciuti i diritti previsti dal trattato STCE n° 157 del Consiglio d’Europa, che sono i diritti delle nazioni-etniche. La traduzione italiana di “minoranza nazionale” non rende per nulla l’idea.

Sta di fatto che dal 13 dicembre 2016 lo stato, il governo, le regioni stesse, non sono più padrone di fare quello che vogliono nel territorio “etnico” veneto, perché la STCE n.157 lo impedisce. Ora hanno una serie di obblighi, molto Continua a leggere

Condividi:

Il “popolo veneto” non è più solo una idea, c’è una definizione

Condividi:

Il “popolo veneto” adesso non è più una idea senza significato, c’è una definizione

Si capirà solo nel tempo la profonda rivoluzione giuridica, semantica e politica che con il PDL 116/2016 (ora L.r.Veneto n.28/2016) ha preso avvio e che si realizzerà.

Sono già in tanti che stanno saltando sul carro del vincitore, e il nostro problema è semmai quello di frenare l’assalto alla diligenza.

Infatti perfino quelli che hanno osteggiato ed ostacolato il PDL 116 ora ne vogliono i frutti e cercano di ottenere dei vantaggi personali. Certo che fa schifo, ma è solo la dimostrazione che la mentalità italiana del cambio casacca all’occorrenza è presente anche negli arrivisti politici del mondo veneto come ho sempre detto, e che alcuni sono lupi travestiti da pecore. Bastava guardare ai loro atti per capirlo. Il paradosso è che cercando di salvarsi questi politicanti in realtà stanno Continua a leggere

Condividi:

Intervista sulla stroncatura del libro di Beggiato da parte di Stella

Condividi:

Il giornalista Pier Luigi Pellegrin di Radio Padania mi ha intervistato a proposito della stroncatura del libro di Ettore Beggiato “1866: la grande truffa” da parte di Gian Antonio Stella. Il libro parla dell’annessione del 1866 del Veneto, in realtà del Lombardo-Veneto, e ne ho scritto anche io nel mio “la Repubblica mai nata” . E’ una intervista in cui rendo noto alcune informazioni non note al grande pubblico sul vergognoso passaggio del 1866.

 

Condividi:

Le possibilità di indipendenza aumentano con il progetto di legge n° 116/2016

Condividi:

uomo_vitruvianoAlcuni commentatori hanno sostenuto che con l’approvazione del progetto di legge n° 116 /2016 in regione veneto diminuiscono le possibilità di indipendenza del popolo veneto, o perfino la si impedisce del tutto: questo è del tutto privo di fondamento, tanto è vero che non viene spiegato perché ci sarebbe questo effetto. E’ invece vero il contrario e qui di seguito spiego perché le possibilità concrete e sostanziali future aumentano e di molto.

Intanto occorre sapere che il progetto di legge regionale veneto PDL 116/2016 per la prima volta fa riconoscere alla Repubblica Italiana che esiste una nazione veneta, seppure riconoscendo che essa non è la nazione principale ma una nazione numericamente minore nella repubblica italiana (fatto ovvio).

Ho usato l’espressione “repubblica italiana” e non regione, perché, in termini tecnici, la regione parlerà in nome dell’intera repubblica sfruttando l’ attribuzione di competenza residuale che Continua a leggere

Condividi:

Siamo stati conquistati: come riprenderci la libertà?

Condividi:

Questo è un estratto da una conversazione in una chat riguardante il tema di come liberarsi dalla cosca dei banchieri che ci ha già resi servi da anni.

…… Non possiamo semplicemente riconquistare il nostro stesso territorio con le armi, perché oltre che fallimentare è anche impossibile sul piano legale. Infatti il diritto di conquista di uno stato non vale più dal 1840 (motivo per cui si fecero i falsi plebisciti di annessione degli stati preunitari alla famiglia Savoia), per cui per tornare liberi dobbiamo riferirci alla situazione preunitaria fra il 1840 e il 1861 (per l’Italia) e 1866 per il solo lombardo-veneto. Da questo punto di vista i “popoli” (per i fini legali) non sono quelli identificati per lingua e cultura (come vorrebbe il principio di autodeterminazione), ma vanno presi come Continua a leggere

Condividi: