6 Comments

  1. Caretel
    2 Marzo 2009 @ 17:31

    Non mi fido di queste rivelazioni dello studioso di destra Marco Pirina vicino a Forza Nuova, è inutile e dannoso affiancare questa gente all’indipendenza e all’autonomia del veneto. Questa gente quando era al potere se ne è bellamente fregata di tutte le minoranze etniche e linguistiche. Perchè Pirina non ci rende edotti di tutte quelle porcherie che compirono i fascisti istro-dalmato-veneti o qualsivoglia nelle terre di Istria e Dalmazia estirpando le minoranze linguistiche di sloveni e croati minacciando i bambini nelle scuole o peggio deportando la popolazione in italia meridionale o in alcuni paesi africani? E i documenti visionati a Lubiana e a Roma? Almeno una fotocopia? No? Suvvia se queste tesi devono avvalorare l’indipendenza del veneto mi tengo gli italioti non voglio tornare alle marcette e al minculpop magari in salsa marciana

  2. Scognia
    2 Marzo 2009 @ 17:06

    Bah io spero siano cose vere quelle dette dallo studioso, mi viene in mente solo che Mitrovica è nel Kosovo e passava per una ricca zona mineraria. Nelle miniere erano impiegati albanesi, Rom e altre etnie. Non so il motivo per cui fossero presenti prigionieri italiani (chi ha detto che erano veneti?e poi che fine han fatto?) fino al 1962, non è che magari erano montenegrini o albanesi in qualche maniera legati al fascismo? Ne siamo proprio sicuri? Le altre rilvelazioni a me sembrano le solite dicerie più o meno vere riguardo la guerra sul confine orientale però tanta gente da ambo le parti ci ha rimesso la pelle dunque a me sembra dannoso schierarsi contro qualcuno o qualcosa. Per avere una sufficiente cognizione di causa bisogna averli vissuti quegli anni là, ad e. gli jugoslavi erano visti bene dall’Italia a da tutto l’occidente, erano un baluardo all’espansionismo sovietico erano uno degli stati non allineati. Andiamoci piano con le considerazioni e pensiamo solo se la guerra l’avesse vinta la Germania in che condizioni ci ritroveremmo adesso

  3. daniele
    14 Febbraio 2009 @ 01:40

    ciao.. io son daniele, sono Salentino, Terrone kon la T maiuscola, son stato a Conegliano 3 anni, quindi tengo a cuore la vostra necessità, kome del resto noi Terroni subiamo ankora “la questione meridionale”
    komunque se mi koncedete di darvi un konsiglio scrivete in italiano i vostri post, in modo ke possano leggerlo tutti e capire realmente il vostro problema…

    distinti saluti
    daniele

  4. GIANCARLO - VERONA
    11 Febbraio 2009 @ 16:20

    Ghe xe da restar esterefatti.
    Sti farabutti i se vanta anka de essa i pari de la patria.
    Nomi eclatanti…..ke je stadi portati all’onor de la patria par essa stà i fondatori de nà costitusion ke nò l’è gnankora stada onorada portandola a compimento.
    Ghe xe politici ke i gha ankora el corajo de parlar e de andar in parlamento.
    Ke i se vergogna…ma tanto con la facia da tola ke i se ritrova…..
    Me scuso se come scrivo posso dar fastidio o farghe vegner mal de stomago a qualche d’un, ma Signori Miei ci rendiamo conto che stiamo parlando del marcio..del verminaio da cui è nata questa Repubblica?? E quel marcio e quel verminaio si è continuamente rinnovato sino ai giorni nostri…altrimenti non ci ritroveremmo ad avere un debito pubblico da panico.
    Scandali,mafia,andrangheta e ki più ne ha più ne metta.
    Noi Veneti cosa abbiamo a che fare con questi “itagliani”? La xe na domanda ke me continua a frullar in testa da qualche tempo….
    VIVA SAN MARCO
    VIVA LA SERENISSIMA

  5. Maurizio Bedin
    11 Febbraio 2009 @ 13:07

    Caro Pagliarini, (Palmerini)
    se ghemo conosui a Vicenza 8/9 ani fa e mi jero aderente del Liga Fronte Veneto. So anca un apasionà de Storia e lexo un fraco de libri su£a nostra VERA Patria. Queo che dixw Perina, no me sconvolxe pì de tanto, ma me fa un male grando, parchè anca el ns. popolo ga vudo na diaspora e un olocausto conpagno de i ebrei, e lo go senpre afermà. So anca convinto che gavemo da fare na grande coalixion e rancurase tuti intorno al progeto grando de lotare par l’indipendenza della ns. tera Veneta (da Brexia a Zara e Spalato), parkè cosita divisi in tanti picoli movimenti e partitini non demo da nessuna parte. Cosita, tuti i presunti capi de sti grupi, se i xe veri idealisti veneti, i deve coalixarse in un unico e garnde gruppo, sensa vardare se i xe pì visini a Dx o sanca e portar casa el pì posibile in fato de libartà. Se poe anca barufare (no masa), al inixio, ma trovaredei acordi. Del resto ghin bastaria uno so£o par esar tuti insieme: riteovare la ns libartà.
    un abraxo da un naxinalista e (solo) indipendentista veneto