in Cultura, Giustizia, In Evidenza, Politica

La moralità delle persone si capisce dalle cose semplici

Condividi:

I presidenti della Repubblica Italiana vengono sistematicamente denunciati da alcuni cittadini, quelli che si prendono la briga di studiare la Costituzione e chiederne il rispetto.
Scalfaro, Ciampi e Napolitano sono stati tutti denunciati. Io personalmente ho denunciato Scalfaro, ma forse dovevo mandare la denuncia alla Corte Costituzionale oltre che al Parlamento, tanto più che il parlamento era illegalmente eletto.
Tuttavia la denuncia è del tutto inutile. Il sistema di governo italiano è ancora il sistema monarchico-fascista, ma è mascherato da repubblica. Nei fatti garantisce l’immunità totale al presidente, come fosse un re, perché tutti gli atti imputabili sono in realtà controfirmati dal Governo, con la conseguenza che non esiste un caso in cui il Presidente della Repubblica possa essere processato senza che ne venga coinvolto il governo e il parlamento stesso, ossia tutta la repubblica.

Infatti il Parlamento potrebbe riuscire a rinviarlo a giudizio solo distruggendo il governo, ossai la propria maggioranza, e dato il tasso di delinquenzialitù abituale dei nostri parlamentare di fatto il parlamento preferisce ricattare il presidente per ottenere il permesso a qualche porcata di interesse della casta, piuttosto che processarlo.
D’altra parte, è possibile che uno “stato” (ossia Presidente, Governo e Parlamento) si autocondannino ?
Questo insieme di fattori producono la garanzia che anche se il presidente della Repubblica Italiana complottasse con la mafia o con le banche o facesse un colpo di stato (magari decretando senza vincoli nel “Consiglio Supremo di difesa” ) nessuno potrebbe farci nulla, come durante una dittatura. Questo deriva dalla Costituzione stessa che sostanzialmente metta il presidente nella assoluta intoccabilità come fosse un dittatore , più che un re.

La Costituzione non è mai stata interamente applicata perché oltre alla belle parole e alle buone intenzioni, di fatto ha mantenuto le condizioni di una assoluta continuità con il fascismo ( a parte qualche orpello di superfice) . La Costituzione è il prodotto della presa di potere dei Socialisti comunisti che hanno sconfitto nella lotta i Socialisti fascisti. Entrambi non hanno nel loro DNA e nella loro cultura i concetti di “diritti umani” , federalismo e autonomia, identità dei popoli.

Fascisti e Comunisti hanno nel loro DNA l’obbiettivo di realizzare una dittatura, dei fascisti il primo, del popolo il secondo.
Ma siccome questo in natura non è consentito, perseguire il fascismo o il comunismo non arriva mai alla realizzazione, e porta solo come tappa intermedia alla soppressione di diritti altrui e si conclude con la guerra o la disgrazia economica. Questo spiega per esempio come mai i comunisti russi hanno compiuto un genocidio in Ukraina, e il genocidio dei Veneti in Istria e Dalmatia.
La Repubblica Italiana non è altro che il risultato di un combio di potere illegale al vertice dello Stato Fascidta, derivante da un colpo di stato, una sconfitta militare, un referendum truccato e incompiuto. Con ciò anche il fascismo era il prodotto di guerre e invasioni militari illegali, quelle che hanno portato all’unità d’Italia, notoriamente un massacro di popolazioni inermi invase dagli eserciti a guida Franco-Piemontese e sostenuti dagli Anglosassoni.

Non c’è dunque da meravigliarsi se per caso ci si trova con uno stragista comunista al vertice dello Stato.

Nel caso di Napolitano, oltre al suo noto plaudire alle stragi di Ungheria da parte della Unione Sovietica, ci sono parecchie ombre che si addensano anche per la sua protezione a Mancino ( altro grande sovversivo) attuata con grandi pressioni politiche a quella magistratura che Napolitano dovrebbe invece proteggere e garantire nella sua indipendenza quale capo del CSM. Esiste un enorme conflitto di interessi anche in questo che la Costituzione non solo non affronta, ma al contrario garantisce che il Capo dello Stato sia nei fatti intoccabile. Fin tanto che esisterà la repubblica italiana non sapremo mai la verità sulle pressioni che Napolitano ha esercitato per proteggere una verità empiricamente evidente : lo Stato Italiano è in realtà in combutta con la Mafia, o forse sono la stessa cosa.

Allora non resta che domandarsi che tipo di pasta di uomo è Napolitano. Questo si giudica molto più semplicemnte , anche dalle piccole cose. Basta vedere il video sotto riguardante l’abuso del rimborso spese di viaggio da lui compiuto, che porta a incassare , secondo un parlamentare, anche 40.000 euro l’anno di aggiunta.
Basta notare la reazione di Napolitano al fatto di essere scoperto come “furbetto manovratore” al paro degli altri per capire di che pasta è fatto. E se non bastasse , egli ha giustificato il suo abusare del sistema dei rimborsi di viaggio dicendo che tanto sono gli italiani a pagare! E’ questo il livello di moralità incarnato dagli italiani ? Per fortuna io non lo sono.

httpv://www.youtube.com/watch?v=mAbboOlaqNo

Condividi:

Rispondi